Thich Nhat Hanh nel suo libro “Fare pace con se stessi” ci offre una pratica insegnata dal Buddha chiamata “Le cinque rimembranze”  che ci aiuta a riconoscere i semi della paura, a guardarli in profondità e ad abbracciarli.

In questi giorni, rileggendo queste righe, mi è sembrato di capirci più di prima, non tanto a livello intellettivo, ma al livello del cuore e dei sentimenti, come se mi sentissi più vicina a queste parole, più capace di comprenderle nel loro significato pratico, esistenziale.

  1. E’ nella mia natura invecchiare. Non posso sfuggire alla vecchiaia.
  2. E’ nella mia natura ammalarmi. Non posso sfuggire alla malattia.
  3. E’ nella mia natura morire. Non posso sfuggire alla morte.
  4. Tutto ciò che mi è caro e tutti coloro che amo sono soggetti per natura al cambiamento. Non c’è modo di sfuggire alla separazione da loro. Non posso trattenere nulla. Sono venuto al mondo a mani vuote e me ne andrò a mani vuote.
  5. Le mie azioni sono l’unica cosa che mi appartiene. Non posso sfuggire alle conseguenze delle mie azioni. Le azioni sono il terreno su cui poggio.

…prendiamoci un momento per contemplare ogni frase seguendo il nostro respiro. Pratichiamo le “Cinque rimembranze”, affinché i semi della paura possano circolare. Dobbiamo invitarli ad affiorare per farsi riconoscere, per farsi abbracciare. Quando ritorneranno giù in “cantina” saranno diventati più piccoli.

Quando invitiamo in questo modo il seme della paura a emergere, saremo meglio equipaggiati per prenderci cura della nostra rabbia.

La paura dà vita alla rabbia. Non c’è pace quando c’è paura.

Perciò la paura diviene il terreno sul quale può crescere la rabbia. La paura si basa sull’ignoranza. La mancanza di comprensione è la principale causa della rabbia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi